FANDOM


Avevi ragione, Clarke. La vita è qualcosa di più della semplice sopravvivenza.
Lexa

Lexa era un personaggio ricorrente nella seconda e terza stagione. È interpretata dall'attrice Alycia Debnam-Carey, e fa la sua prima apparizione nell'episodio Una scelta per la vita.

Lexa è un membro del Clan delle Foreste ed è anche il Comandante dei dodici Clan. Lei è la ragione per cui le diverse tribù si sono unite, formando la Coalizione, nella lotta contro Mount Weather. Senza di lei, l'alleanza crollerebbe e i clan inizierebbero a farsi la guerra a vicenda. Tra gli Uomini della Montagna è conosciuta come un Comandante che fa alleanze e ciò, ai loro occhi, la fa apparire diversa dagli altri e potenzialmente più pericolosa. Prima della creazione della Coalizione, la Nazione del Ghiaccio era la minaccia principale contro la quale Lexa e il suo clan di appartenenza (i Trikru) hanno dovuto combattere per permettere la creazione dell'alleanza.

Il Comandante Lexa non compare a schermo fino al sesto episodio della Seconda stagione. Nella prima viene menzionata soltanto nell'episodio Noi siamo Terrestri (Parte 1), quando invia Tristan a prendere il comando al posto di Anya per attaccare il Campo nel conflitto fra il Clan delle Foreste e il Popolo del Cielo. Quando il resto del Popolo del Cielo scende sul loro territorio, Lexa ordina di catturarne alcuni e Thelonious Jaha viene preso come prigioniero. Dopo la strage a Tondc, e quando Marcus Kane prova a incontrare il leader dei Terrestri per chiedere loro di fermare la guerra, Lexa lo fa imprigionare insieme a Jaha e si camuffa come una ragazza zoppa, per stare in cella con loro, ascoltare le loro parole, conoscere maggiormente il nemico e per mettere così alla prova le reali intenzioni di Kane. Sorprendendosi per il gesto di sacrificio compiuto da quest'ultimo, dopo averlo valutato come un atto onorevole, e avendo percepito come veritiero il suo desiderio di pace, Lexa si rivela ai due come il Comandante dei Terrestri e decide di rilasciare Jaha per fargli recapitare un messaggio a Campo Jaha: il Popolo del Cielo potrà lasciare illeso le sue terre entro due giorni, dopodiché, se persisterà nel rimanere ancora, verrà sterminato. Quando Clarke le offre però un modo per guarire i Mietitori e per liberare i prigionieri Terrestri dalla Montagna, Lexa riconsidera la sua idea e richiede solo la morte di Finn Collins a titolo di risarcimento per la strage da egli compiuta al villaggio.

Lexa e Clarke iniziano a lavorare insieme per consolidare l'alleanza tra i loro due popoli e liberare i prigionieri a Mount Weather, ideando un piano per abbattere le difese del nemico; in questo periodo, collaborando e imparando a conoscersi l'un l'altra durante il conflitto, Lexa e Clarke iniziano a provare una reciproca attrazione che sfocia poi in un bacio, poco prima dell'assalto alla Montagna. Quando però nell'episodio Sangue chiede Sangue (Parte 1) il piano fallisce perché le guardie del monte mettono mano sui prigionieri di entrambi gli schieramenti portando l'alleanza a una situazione di squilibrio, Emerson avvicina il Comandante Lexa e le propone un accordo, da parte del presidente Cage Wallace, che prevede la consegna di tutti i prigionieri Terrestri e la promessa di non nuocere più alla sua popolazione se lei ritirerà l'esercito e non pianificherà più di invaderli. Lexa accetta l'accordo tradendo l'alleanza e lasciando indietro Clarke a malincuore, assieme al resto del Popolo del Cielo.

Nella Terza stagione, durante i tre mesi di salto temporale, si viene a sapere che Lexa è stata occupata a cercare di mantenere l'ordine nella Coalizione ed evitare lo scoppio di una guerra civile. Questo è stato causato dal fatto che l'acerrimo nemico dei Terrestri, la Montagna, è caduto per mano di Wanheda, e Lexa - ritirandosi dal campo di battaglia - è risultata debole agli occhi del popolo Terrestre. La Nazione del Ghiaccio, capeggiata dalla Regina Nia, sta approfittando della situazione diventando sempre più minacciosa per gli equilibri delle terre della Coalizione e per far ciò, per ottenere il maggiore consenso, la regina sta anche cercando Clarke, raminga da tre mesi nelle foreste, perché avendo la ragazza del cielo ottenuto la fama tra i nativi del "Comandante della Morte", viene creduta da essi in grado di donare, a chi la ucciderebbe, un incredibile potere, il quale permetterebbe così a Nia di arrivare a dominare più facilmente su tutti i Clan. Lexa allora, per evitare lo scoppio di una guerra civile e per proteggere Clarke, manda Indra ad Arkadia per informare la gente della ragazza sulla questione, e arruola anche Roan, il principe esiliato della Nazione del Ghiaccio, per cercare Clarke e salvarla dai cacciatori di taglie e dagli esploratori di Azgeda, per far sì che venga poi portata a Polis, da lei, sana e salva. Lexa fa un patto con l'uomo a cui - se riuscirà a portarle Clarke viva e illesa - verrà permesso di poter ritornare a casa, nella Nazione di Ghiaccio, dopo gli anni di esilio a cui sua madre lo ha condannato.

Eventi Pre-Serie

Lexa nasce nel Clan delle Foreste come Nightblood, con il sangue nero. Avendo ereditato il sangue dei Comandanti viene portata alla Capitale, Polis, e viene istruita nell'arte della guerra, del combattimento e del comando dal Flamekeeper in carica, Titus, e dal precedente Comandante, in quanto possibile reincarnazione di quest'ultimo, insieme ad altri otto prescelti.

A un certo punto della sua maturazione come guerriera viene affidata a completare il suo tirocinio come secondo di Anya, che diviene la sua mentore sul campo fino ai suoi 16 anni[1], momento in cui, alla morte del precedente Comandante, Lexa viene chiamata a partecipare al sacro rito del Conclave per diventare la nuova Heda.

Vincendo ogni combattimento uccidendo gli altri sangue nero, Lexa diviene legittimamente Comandante e, nel giorno della sua Ascensione, riceve la Fiamma, lo spirito dei precedenti Comandanti. La sua prima azione compiuta come Heda è quella di risparmiare la vita di Luna, l'ottava Nightblood, che si è macchiata dell'onta di aver abbandonato il rituale e che altrimenti sarebbe stata inseguita e uccisa da Titus.

Visionaria, Lexa è ritenuta speciale poiché è l'unica ad aver cercato di ottenere la pace tra tutti i popoli Terrestri, mobilitandosi sin da subito per mettere fine al periodo di tumulto che vedeva i clan in costante guerra tra loro, iniziando a creare alleanze e formando quella che poi diverrà La Coalizione[2]. In questo periodo di forte subbuglio ha luogo la guerra contro la Nazione del Ghiaccio, l'ultimo clan a non esser stato ancora annesso alla Coalizione e acerrimo nemico del Clan delle Foreste.

Costia, l'amante di Lexa, viene - durante la guerra contro Azgeda - catturata, torturata e uccisa dalla Regina Nia, che credeva conoscesse i segreti di Lexa. In seguito, la testa di Costia è stata spedita in una cassa ai piedi del letto di Lexa dalla Regina di Ghiaccio; nonostante ciò, Lexa ha ugualmente concesso ad Azgeda di entrare nella sua Coalizione, annettendo quindi l'ultimo clan rimasto e portando, con quest'ultima decisione, la pace tra i popoli della Terra.

Nella serie

In Una scelta per la vita (Titolo originale: "Nebbia di Guerra"), Marcus Kane e Thelonious Jaha sono tenuti prigionieri sottoterra in un campo Terrestre. Jaha dice a Kane che il loro tempo non è ancora finito perché hanno ancora del lavoro da fare. Gustus - spacciandosi per il Comandante - entra nella cella con alcuni guerrieri e questi cominciano a percuotere Jaha. Kane prova a urlare loro che sono venuti in pace e Gustus racconta ai due uomini della strage compiuta a Tondc dicendogli che "Il sangue deve avere sangue". Dopodiché lascia a terra un pugnale, dichiarando che uno di loro dovrà morire per mano dell'altro e che soltanto allora ascolterà i termini della loro resa. Gustus lascia una ragazza nella cella, Lexa,
Lexa2
per assicurarsi che facciano quello che ha ordinato loro. Quando Jaha le chiede cosa accadrebbe se si rifiutassero di farlo Lexa gli risponde che allora il Comandante utilizzerà il coltello per tagliare a entrambi la gola. Mentre Kane e Jaha discutono della differenza tra omicidio e sacrificio decidendo se seguire gli ordini di Gustus o meno, Lexa li osserva interessata ai loro discorsi, studiando il loro comportamento e dicendo a Jaha, quando lui pensa a voce alta chiedendosi se c'è un altro modo per uscire da quella situazione a cui non hanno pensato, che non esiste altro modo. Quando Kane prende il pugnale e sembra prepararsi a uccidere Jaha, Lexa li guarda per poi spostare lo sguardo verso l'esterno della cella aspettandosi il combattimento tra i due. Quando Kane invece offre il pugnale a Jaha, sacrificandosi, lui lo rifiuta e quindi Kane si taglia l'avambraccio. Quando Jaha chiede a Lexa di aiutarlo a salvare Kane, lei si avvicina a loro e gli porge un lungo bendaggio, osservando curiosa e stupita quello che sta succedendo. Jaha approfittandosi del suo stupore, dopo aver finito di bendare Kane, la prenda in ostaggio puntandole il coltello alla gola. A quel punto Gustus e le guardie entrano all'interno della cella. Lexa parla ai suoi uomini in Trigedasleng dicendogli che lui ha fatto la sua scelta e che lei ha preso la propria e quindi, con semplicità e freddezza, si libera disarmando Jaha e gettandolo a terra, puntandogli in seguito il coltello alla gola.
37-206

Lexa si presenta come il Comandante dei Terrestri

Poi dopo essersi assicurata che l'uomo non farà più nulla, rivela la propria identità quando Gustus le mette addosso lo spallaccio che indossava lui precedentemente, simbolo del ruolo di Comandante. Lexa dice che Kane le ha mostrato che le sue intenzioni sono onorevoli e che il suo desiderio di pace è veritiero, in seguito afferma che parlerà con lui più tardi e che nel frattempo Jaha verrà utilizzato per inviare un messaggio al Popolo del Cielo, perché "il massacro deve avere risposta. Il sangue deve avere sangue". Kane viene trattenuto ancora nella cella mentre Jaha viene percosso e restituito a Campo Jaha portando il messaggio da parte del Comandante: "Andare via o morire. Abbiamo due giorni."


In Lungo l'abisso (Titolo originale: "A lungo in un abisso"), Lexa si trova nella sua tenda, accampata assieme al suo esercito fuori da Campo Jaha. Clarke Griffin si reca lì per discutere delle condizioni con Lexa, per decidere come possono risolvere la faida e giungere a una tregua.
Clexa1

Lexa riceve Clarke nella sua tenda

Indra suggerisce al suo Comandante che dovrebbe solo uccidere Clarke, ma Lexa dice a Indra di dimettersi. Clarke parla di Anya, che è stata la mentore di Lexa, e le dice che avrebbe voluto che collaborassero. Clarke rivela che c'è un modo per curare i Mietitori, portando come prova il Terrestre Lincoln.
Clexa3
Lexa le dice di provarlo e allora Clarke la accompagna assieme alle sue guardie al Campo dei 100, dove si trova attualmente l'uomo. Lexa e i suoi guerrieri guardano i loro soldati caduti in battaglia. Quando entrano nella navicella, Lincoln sembra essere morto, e Octavia Blake stringe triste il suo corpo. Dopo aver visto ciò scoppia una battaglia tra i due gruppi ma Abigail Griffin riesce a far rivivere Lincoln attraverso un bastone elettrico dell'Arca. Lexa e Clarke tornano poi alla tenda del Comandante. Lexa dice a Clarke di consegnargli Finn Collins, e ci sarà finalmente pace fra i due gruppi.

Clarke si avvicina al campo Terrestre fuori da Campo Jaha e viene fermata da Gustus che la avverte che le taglierà la gola alla minima provocazione. Clarke entra nella tenda del Comandante e incontra Lexa, che è seduta su un trono con Indra a lato. Clarke racconta a Lexa di Mount Weather e di come lei e Anya sono fuggite insieme e presenta a Lexa una treccia dei capelli di Anya. Clarke dice che il suo popolo è in grado di far tornare i Mietitori nuovamente uomini perché lei lo ha fatto con Lincoln. Lexa chiede a Clarke di dimostrarlo.

Clarke conduce Lexa e la sua scorta attraverso la carneficina al di fuori della navicella, mentre Abby sta cercando di far respirare Lincoln. Abby infine si arrende e dice che Lincoln è andato. Octavia si rifiuta di crederle e continua le compressioni toraciche. Clarke e tutti gli altri entrano in quel momento e sono a un punto morto quando tutti prendono le loro armi.
Lexa6

Lexa ordina a Indra di prendere le armi

Abby raccoglie il bastone dello shock e lo tiene davanti a sé prima di utilizzarlo come defibrillatore su Lincoln, scioccandolo due volte prima che lui inizi a respirare di nuovo, tanto da sorprendere sia il Popolo del Cielo che i Terrestri. Più tardi, quando Clarke è tornata con Lexa nella sua tenda al di fuori di Campo Jaha, Lexa dice a Clarke che lei è disposta ad avere una tregua, non appena Finn morirà.

In Il Passeggiatore Lunare (Titolo originale: "Il Passeggiatore spaziale"), Clarke arriva a Campo Jaha dopo aver parlato con Lexa, che ha chiesto loro di consegnare Finn per la strage di Tondc per avere la tregua. La maggior parte delle gente del cielo vuole dare Finn ai Terrestri, soprattutto perché ha sprecato tre mesi di ossigeno sull'Arca, per la passeggiata spaziale che lo ha imprigionato.

Più tardi, Clarke visita Lincoln che si sta riprendendo. Abby chiede a Lincoln come negoziare con Lexa al fine di salvare Finn ma lui dice che non c'è modo di uscirne vivi e che Finn deve morire. Octavia chiede cosa potrebbe accadergli e Lincoln dice loro che dato che Finn ha ucciso 18 persone, soffrirà la pena di 18 morti. Sentono i Terrestri gridare ad alta voce, "Jus Drein jus daun!" ("Il sangue deve essere ripagato con il sangue!"). Abby si avvicina al cancello per parlare con i due messaggeri che Lexa ha mandato e dice loro che il Popolo del Cielo è pronto a combattere. I due tornano indietro portando il messaggio a Lexa e dopo di loro, Clarke e gli altri vedono qualcun altro sbucare dalla foresta: Marcus Kane, che è stato rilasciato da Lexa. Kane e Abby vanno a parlare con Lincoln e gli chiedono se Lexa sarebbe disposta ad accettare un accordo dove il Popolo del Cielo mette Finn sotto processo. Lincoln dice loro che non è possibile perché Finn ha ucciso persone innocenti e sono già fortunati, perché se fosse per Indrae, tutto il Popolo del Cielo sarebbe morto.

Alla navicella, Clarke, Raven, Bellamy, e Murphy stanno cercando di salvare Finn dai Terrestri. Bellamy li avverte che i terrestri sono arrivati e sono circondati. Finn dice loro che devono restare e difendere la navicella. Poi scende sul fondo della nave. Clarke, Raven, e Bellamy stanno guardando il cancello quando vedono Finn passare di fronte a loro e arrendersi ai Terrestri.

Al rientro a campo Jaha, Clarke, Raven, Bellamy, e il resto del Popolo del Cielo guardano i Terrestri iniziare a preparare l'esecuzione di Finn. Abby dice che non c'è niente da fare. Clarke, Raven, e Bellamy poi si incontrano al cancello di Raven e lei dà a Clarke un coltello così che possa uccidere Lexa perché Raven deve a Finn la sua vita. Clarke si avvicina alla tenda di Lexa e Indra la ferma con una lancia. Clarke preme il proprio ventre contro la lancia, sanguinando. Lexa allora esce dalla tenda e dice a Indra di far passare Clarke. Clarke chiede a Lexa di mostrare quanto sia potente e avere misericordia e che Finn ha ucciso quelle persone per lei. Lexa dice a Clarke che allora Finn se ha ucciso per lei allora morirà per lei. Clarke chiede se può dirgli addio e Lexa glielo permette. Clarke si avvicina a Finn e lo abbraccia, dicendogli che lo ama e che starà bene. Lui dice: "grazie, principessa" e fa un passo indietro distanziandosi da lui rivelando di averlo ucciso con il coltello che Raven le ha dato. Lexa dice ai suoi guerrieri che ciò che è fatto è fatto e impedisce loro di attaccare e uccidere Clarke.

In Ricordati di me (Titolo originale: "Ricordati di me"), Lexa dice a Clarke che il corpo di Finn sarà dato al popolo di Tondc per la giustizia negata. Kane e Abby si mettono a discutere con Indra per la questione, ma Clarke è d'accordo. Dice che una volta fatto, potranno parlare della liberazione della sua gente e dei Terrestri, dalla Montagna. Clarke dice a Abby che se la tregua non regge, avrà ucciso Finn per niente e se ne va. Abby dice a Kane che i terrestri sono guidati da una bambina e lui le dice, "anche noi."

Durante il viaggio da Campo Jaha a Tondc, Lexa e Gustus montano sui cavalli e discutono dell'alleanza in Trigedasleng. Gustus non pensa che sia una buona idea, perché il Popolo del Cielo è più simile agli Uomini della Montagna che a loro e lui è preoccupato per la sicurezza di Lexa. Lexa gli dice di fare il suo lavoro e di proteggerla. Essi arrivano a Tondc il giorno successivo e vengono disarmati prima di entrare. Raven costringe ostinatamente Gustus a perquisirla e disarmarla. Entrati nel villaggio, i Terrestri gridano contro il Popolo del Cielo, chiamandoli assassini. Un uomo si mette sulla loro strada mettendosi davanti a Lexa e dicendo che ha perso la moglie e il figlio e che gli invasori non sono i benvenuti qui. Lexa dà ordine a Gustus di percuotere l'uomo e sta per ucciderlo quando Clarke chiede a Lexa di fermarlo perché la sua gente verrà incolpata per questo. Lexa l'ascolta e dice a Gustus di fermarsi dopodiché annuncia a tutti che se qualcuno cercherà di fermare l'alleanza, pagherà con la vita.

Lexa dà un elogio per i morti di fronte a una pira funeraria. Poi passa il bastone a Clarke che accende la pira guidata dalla mano di Finn, e dice, "Yu gonplei ste Odon" ("La tua battaglia è finita"), tanto da sorprendere Lexa, Indra e Nyko. Più tardi, Lexa e Clarke stanno sopra le ceneri del rogo e Lexa dice a Clarke di Costia, che è stata catturata dalla Regina di Ghiaccio, perché era la sua compagna. L'hanno torturata e le hanno tagliato la testa perché pensavano che conoscesse i suoi segreti. Lexa ha superato il dolore riconoscendo che l'amore è una debolezza. Se Clarke non fa lo stesso, mette le persone che ama in pericolo e il dolore non potrà mai andare via.

Più tardi, al banchetto dell'alleanza, Kane porta in dono un liquore. Lexa propone a Clarke di brindare assieme a lei e Clarke accetta, entrambe prendono una coppa ma Gustus ferma Lexa e beve un sorso prima di darla di nuovo a lei. Mentre Lexa fa un brindisi e sono in procinto di bere, Gustus cade avvelenato. Il Popolo del Cielo viene accerchiato e viene trovato il veleno addosso a Raven. Lei sostiene che non è suo e che Gustus lo ha messo lì quando la perquisiva. Lexa ordina che il Popolo del Cielo venga rinchiuso in questa stanza. Octavia chiede a Lincoln di fare qualcosa e Lincoln chiede a Indra di lasciarlo parlare per il Popolo del Cielo. Indra dice a Lincoln che lui è uno di loro, prima di chiuderlo assieme agli altri.

Clarke chiede a Raven se davvero aveva cercato di avvelenare Lexa e Raven dà un pugno a Clarke in faccia. Kane va a parlare con Clarke e le dice che Lexa l'ascolta e che devono capire chi la vorrebbe morta. Capiscono che l'avvelenatore doveva essere qualcuno che stava cercando di rompere l'alleanza. Nyko e Indra tornano e prendono Raven. Indra dice loro che Lexa è misericordiosa e vuole solo che Raven muoia. Gli altri sono liberi e devono correre. Raven viene legata a un palo esterno dove Lexa e Indra iniziano la morte per mille tagli. Clarke realizza che il veleno non era nella bottiglia; era nella tazza. Corre fuori e chiede a Nyko la bottiglia e beve, mostrando che non è avvelenata. Bellamy si rende conto che è stato Gustus ad avvelenare la coppa perché stava cercando di proteggere Lexa dall'alleanza. Lexa lo fa legare al posto di Raven. Alla fine della Morte dai mille tagli di Gustus, Lexa si avvicina e lui le dice di essere forte. Lei dice, "Yu gonplei ste Odon", dandogli il colpo finale direttamente nel cuore.

In La selezione della razza (Titolo originale: "La sopravvivenza del più forte."), Lexa e Clarke sono tornate a Tondc, per pianificare un modo per liberare il loro popolo dal monte. Quint litiga con Clarke prima di andare fuori dicendo che non può avere un'alleanza con il Popolo del Cielo. Lexa dice a Clarke che aspettare che Bellamy entri al Monte è una preghiera, non un piano. Clarke si scusa ed esce a prendere una boccata d'aria fresca e il Maggiore Byrne la segue.
Lexa9

Lexa accorre a salvare Clarke da Quint

Clarke si aggira al di fuori quando vede Quint inseguirla. Comincia a prenderla in giro e spara frecce mentre lei corre. Clarke si ferma e vede Byrne mutilata a un braccio. Byrne dice a Clarke di salvare se stessa. Clarke corre nel bosco, quando viene attaccata da Quint. Quando sta per ucciderla Lexa lo colpisce con un pugnale alla mano e si avvicina lui dicendogli che se attacca Clarke è come se attaccasse lei, poi dice a Clarke che può uccidere Quint quando sentono un forte boato. Lexa dice che è il "Pauna" e colpisce Quint a una gamba mentre dice a Clarke di correre. Il Pauna (un gigante gorilla mutante) attacca Quint mentre Clarke, Lexa, e la guardia cercano un posto dove nascondersi. Si rendono conto rapidamente che il loro nascondiglio è in realtà il terreno di alimentazione del Pauna quando lui salta sopra e li attacca e uccide la guardia. Clarke spara al Pauna ma i proiettili non lo fermano
Clexa6

Clarke e Lexa contro il Pauna

e insegue Clarke e Lexa, portando Lexa a ferire se stessa. Il Pauna afferra Lexa e Clarke si rifiuta di lasciarsela alle spalle, salvando la sua vita proprio mentre vengono intrappolate in una stanza.

Lexa dice a Clarke che lei è stata debole, per averla aiutata a sfuggire al Pauna. Clarke dice a Lexa che ha bisogno di lei perché è intelligente. Il Pauna li trova e comincia a battere contro la porta. Clarke sposta Lexa da un lato della porta, mentre lasciano entrare il Pauna e poi corrono fuori dalla porta, chiudendola dietro di loro e intrappolando il Pauna nella stanza. Più tardi quella notte, Clarke si sveglia e trova Lexa nel bosco. Il Pauna è ancora intrappolato ed è sicura che la gabbia sosterrà. Questo dà a Clarke l'idea di utilizzare tutti i Terrestri intrappolati a Mount Weather come esercito fino a quando Bellamy non entrerà e li libererà.

In Coup de Grâce, le fotografie di lei e Clarke vengono recuperate da alcuni uomini della montagna che sono stati inviati come assassini.

In Il Rubicone, Clarke cavalca in città e dice a Octavia di portarla da Lexa. Nei boschi fuori Tondc, un uomo della montagna (Whitman) torna al Monte quando arriva Clarke. Clarke e Lexa vanno in una stanza e Clarke racconta a Lexa del missile guidato per Tondc. Lexa dice a Clarke che non possono dire a nessuno del missile perché il Monte saprebbe che sono stati avvertiti prima del tempo. Clarke vuole mettere in guardia tutti, ma Lexa le dice che se avesse voluto farlo lo avrebbe già fatto. Lexa e Clarke poi vanno via. Dal momento che sono furtivamente uscite da Tondc, Clarke esita e dice a Lexa che dovrebbero trovare il cecchino. Vede improvvisamente sua mamma a Tondc e torna per lei. Clarke convince Abby ad andare con lei mentre Kane e Indra realizzano che Clarke e Lexa sono scomparse. Il missile colpisce Tondc provocando una massiccia esplosione che fa cadere Clarke e Abby. Le orecchie di Clarke suonano mentre controlla sua mamma, dicendole che devono andare. Abby si rende conto che Clarke era a conoscenza del missile e non può credere che Clarke sia rimasta inerte. Implora Clarke di dirle che è stata Lexa e le dice che ha passato il segno ma il suo segreto è al sicuro. Abby va via disgustata e triste e si dirige di nuovo a Tondc.

In Resurrezione, dopo il missile esploso su Tondc, Lexa afferra Clarke e la scuote, dicendole, "la vittoria si trova sul retro del sacrificio". Clarke afferma che vuole tutti gli uomini della montagna morti. Clarke dice a Lexa che l'osservatore è colui che sta sparando ai superstiti e che vuole trovarlo ed ucciderlo. Iniziano a girare intorno a Tondc per cercare il cecchino, Whitman. Lexa continua a cercare di convincere Clarke che ha fatto la cosa giusta. Sentono un rumore davanti a loro e vedono Lincoln che sta cercando il cecchino.

Lincoln è sconvolto nel vedere sia Clarke che Lexa non a Tondc. Va con loro, alla ricerca del cecchino. Iniziano a cercare Whitman più in alto, ma lui li individua e spara contro di loro. Clarke risponde al fuoco, mentre Lincoln si insinua e attacca Whitman. Il cecchino utilizza un generatore di suono per inabilitarlo e tiene in ostaggio Lincoln con un coltello, mentre punta una pistola a Clarke. Lincoln dice a Clarke di lasciare che Whitman lo uccida e poi sparare a Whitman, perché la sua gente ha bisogno di lei. Clarke risponde: "Tu sei il mio popolo", e uccide il cecchino in un solo colpo attraverso la spalla di Lincoln.

Lincoln ritorna con Clarke e Lexa e si riunisce con Octavia. Lexa inizia a tenere un discorso su come sconfiggere la montagna e vendicare i morti quando Abby la interrompe e dice loro che ci sono ancora persone che hanno bisogno di aiuto. Più tardi, Clarke e Lexa partono per il Monte con Octavia, Lincoln, Indra, e il resto del loro esercito.

In Una rete di bugie, nel campo terrestre all'esterno del Monte, Clarke sta ripassando i piani di battaglia e Lexa le dice che deve riposare, perché sta perdendo la sua energia. Clarke si preoccupa per Bellamy e Lexa le dice che è ciò che significa essere un leader. Lexa le dice che è nata per essere un leader, proprio come lei. In seguito, Clarke si avvicina a Octavia, seduta di fronte a un falò. Octavia affronta Clarke sul bombardamento di Tondc e le chiede di dirle che non sapeva che stava arrivando. Clarke le dice che l'ha fatto per salvare Bellamy e Octavia le dice che Bellamy non avrebbe mai accettato questa decisione e avrebbe trovato un altro modo. Clarke dice a Octavia che non può dirlo a nessuno ma questo lei lo sa; l'alleanza si romperebbe. Esse vengono interrotte da Lexa e Ryder, uno dei suoi guerrieri. Ryder dice a Octavia di dare il cambio alla guardia meridionale. Octavia dice loro che Indra si aspetta che lei sia in una missione di scouting con Lincoln. Ryder le dice che Indra si unirà a lei a breve e Octavia si allontana. Clarke dice a Lexa che Octavia non dirà nulla e Lexa dice che non può esserne sicura. Quando Clarke va via, Lexa dice a Ryder di uccidere Octavia.

Clarke vede Indra seduta vicino al fuoco e le chiede il motivo per cui non è di guardia con Octavia. Indra le dice che non è di guardia e Clarke chiede allora di Octavia. Indra le dice che lei è con Lincoln, come previsto. Clarke poi va a cercare Octavia e vede Ryder puntare una freccia contro Octavia. Clarke gli punta la pistola alla testa e gli dice di dimettersi e andare con lei e lo porta lontano da Octavia. Clarke riporta Ryder da Lexa e le dice che Octavia non è un problema. Lexa dice a Ryder di stare giù e lo manda via. Clarke dice a Lexa che non può uccidere tutti quelli di cui non si fida. Lexa dice che può. Lei chiama Octavia una minaccia e Clarke le dice che lei non metterebbe mai in pericolo la vita di suo fratello. Poi dice a Lexa che lei è una bugiarda e in realtà prova sentimenti, su Gustus, su Costia, e sulle persone che ha bruciato a Tondc. Lexa dice a Clarke che non ha lasciato bruciare lei. Clarke chiede a Lexa di fidarsi di lei e che Octavia non è una minaccia e quindi avverte Lexa che se proverà ad ucciderla, racconterà a tutti del ​​missile.

Più tardi, Lexa chiama Clarke nella sua tenda per dirle che Octavia non ha nulla da temere da lei perché Lexa si fida di Clarke. Lexa le dice che i loro modi possono essere duri, ma è il modo in cui sopravvivono. Clarke chiede se forse si meritano di più dalla vita e Lexa le risponde "forse sì" baciandola subito dopo. Clarke inizialmente ricambia il bacio ma poi scinde il contatto dicendole che non è pronta per stare con qualcuno, non ancora. I terrestri gridano che un razzo è stato avvistato e si preparano per la battaglia. Lexa dice loro di suonare il corno e annuncia che stanno per andare in guerra.

In Sangue chiede Sangue (Parte 1), Clarke e Lexa sono nella loro tenda al posto di comando con i capi militari quando arrivano Monroe e il Sergente Miller e lui le dà un pacchetto di idrazina da parte di Raven. Abby non è lì perché è rimasta indietro ad aiutare i feriti dai bombardamenti a Tondc. Lexa e Clarke iniziano a spiegare il piano d'azione e Clarke rende chiaro che quella è una missione di salvataggio e non è la distruzione degli uomini della montagna. Clarke spiega che ci sono quattro squadre: una presso la diga (Raven e Wick), una nelle miniere (Indra e Octavia), una all'interno della montagna (Bellamy e i terrestri in gabbia), e la squadra di Clarke che prenderà la porta d'ingresso. Clarke ha scoperto da Maya che la porta principale ha un difetto, se l'energia è spenta. Raven e Wick spegneranno la corrente proveniente dalla diga, causando un ritardo di un minuto prima che il generatore di backup si attivi. Questo dà loro un minuto per far saltare la serratura della porta. Il motivo per cui non vogliono far saltare in aria il generatore di backup è il non voler lasciare gli uomini della montagna senza corrente per troppo tempo, uccidendoli tutti. Clarke poi ammette che hanno perso il contatto con Bellamy, dopo aver fatto saltare in aria la macchina della nebbia acida. Dice che una volta aperta la porta, i montanari apriranno il fuoco e questo è quello che vogliono. Mentre stanno distraendo le guardie del monte, Indra e Octavia attraverseranno con i terrestri e i delinquenti i tunnel dei mietitori. Lexa fa poi un discorso incoraggiante, che termina con il canto "Jus Drein, jus Daun." Tutti terrestri la imitano.

Alla porta d'ingresso del Monte, Monroe trapana un buco e il sergente Miller inserisce la bomba a idrazina per distruggere il blocco. Lincoln lo segue per fornire protezione in caso qualcuno degli uomini della montagna provi a sparargli. Le mani di Miller cominciano a tremare mentre cerca di inserire la bomba e Lincoln gli dice di farlo per suo figlio. Il sergente Miller risponde dicendo che la montagna ha preso abbastanza da tutti loro e inserisce la bomba. Clarke e Lexa attendono che la corrente salti. Lexa invita Clarke alla loro Capitole, Polis, dicendole che cambierà ciò che pensa dei terrestri. Clarke ingenuamente dice che lo ha già fatto. Ben presto sentono dei spari provenienti dalla diga e si preparano a far saltare la porta.

A Mount Weather, la corrente va via e Cage Wallace dice a Emerson via radio di avviare l'orologio di un minuto. Emerson dice a Cage che non permetterà loro di avvicinarsi alla porta. Quando la luce sopra la porta si spegne, Miller dice a Clarke che hanno un minuto per far saltare la serratura. Clarke e Lexa premono il grilletto e il pulsante, ma non succede nulla. Clarke si rende conto che il Monte sta inceppando il segnale e dice che deve avvicinarsi. Mentre si avvicina alla porta, spari piovono dall'alto e Lincoln la afferra per salvarla. Emerson e suoi uomini sparano contro di loro dal crinale sopra la porta, impedendo loro di avvicinarsi alla porta. Un gruppo di terrestri creano uno scudo e portano il sergente Miller alla porta, così da far scattare manualmente la bomba. Vengono tutti abbattuti prima che possano farlo. Hanno solo pochi secondi quando Lincoln ha l'idea di utilizzare una freccia infuocata per innescare la bomba sulla porta. Tira con solo un secondo rimasto e la serratura viene distrutta. Lexa dice a Lincoln di rimanere con Clarke, mentre lei porta un gruppo sulla cresta per abbattere il contingente di Emerson e aprire la porta. Quando si ferma la sparatoria, Lincoln ordina agli altri terrestri di agganciare dei cavi alla porta per aprirla. Quando la porta si apre a metà, Clarke dà il comando di attaccare ma Lexa interrompe, dicendo a tutti di fermarsi.

Lexa10

Lexa con il viso sporco dei sangue dei cecchini di Mount Weather

Lexa arriva dalla cresta, insieme ad Emerson e mentre si apre la porta, i terrestri imprigionati del raccolto iniziano ad uscire. Clarke chiede se si sono arresi e Emerson dice, "non del tutto." Clarke chiede a Lexa cos'ha fatto e Lexa, da traditrice, le dice che ha salvato il suo popolo, ma il popolo di Clarke non faceva parte del patto. Emerson poi si dirige di nuovo dentro il Monte mentre Echo e l'ultimo dei terrestri viene rilasciato. Lincoln chiede a Clarke cosa sta succedendo e Clarke gli dice cos'ha fatto Lexa. Lexa dice a Lincoln che l'affare è fatto e ordina che venga suonata la ritirata. Lincoln rifiuta di ritirarsi e Lexa lo fa arrestare. Si volta verso Clarke e le dice, "Fa che ci rincontreremo," prima di andare via con il suo esercito.

In Wanheda (Parte 2), Lexa si alza dal suo trono a Polis, affiancata da Indra e Titus. Roan entra nella stanza e presenta Wanheda, Clarke, a lei. Lexa è infastidita dal fatto che Clarke è ferita, e dice che voleva Clarke disarmata. Roan spiega che lei non gli ha reso le cose facili, e Lexa ammette che non si aspettava niente di diverso. Egli esige che Lexa ponga fine all'affare e sollevi il suo esilio, ma lei rifiuta perché l'esercito di sua madre sta marciando su Polis. Roan le dice che non è colpa sua, ma Lexa dice che onorerà il loro affare quando sua madre onorerà la sua Coalizione. Lei ordina alle guardie di bloccare il principe Roan, e dice a Indra e Titus di lasciarla sola con Clarke, cosa che fanno, ma con molta riluttanza e esitazione. Lexa libera Clarke e si scusa, dicendo che non voleva che andasse così, ma ha dovuto trovarla prima che lo facesse la Nazione di ghiaccio. Poi dice a Clarke che la guerra sta cominciando e ha bisogno del suo aiuto. Clarke è infuriata e sputa a Lexa. Le guardie trascinano Clarke via mentre lei urla "Hai voluto il comandante della Morte, adesso l'hai presa!" e la minaccia di morte. Lexa asciuga lo sputo dal suo volto ed esce sul balcone della sua torre.

In O voi che entrate, Lexa affronta Clarke una settimana dopo gli eventi degli episodi precedenti. Clarke dice che non vuole vederla, però, con la Nazione ghiaccio che minaccia la Coalizione, Lexa sottolinea che essi hanno cose più importanti da discutere. Lexa ha un incontro con Marcus Kane e Abby per portare il popolo del cielo a unirsi alla Coalizione come 13° clan. Affinché le gente del cielo lo diventi, Clarke deve inchinarsi a Lexa, la quale cosa si rifiuta di fare e invece dice che se Lexa vuole il potere di Wanheda, avrebbe dovuto ucciderla. Dopo la conversazione con Clarke, Lexa va a incontrare i delegati degli altri dodici clan. Il delegato dalla Nazione del ghiaccio rifiuta di piegarsi a Lexa, mettendo in discussione il fatto che Wanheda non è ancora morta. Dice che se la debolezza di Lexa le impedisce di uccidere Wanheda, la Nazione del ghiaccio interverrebbe. (Riferendosi alla cattura e alla uccisione della Nazione di Costia) Lexa dice al delegato che ha un messaggio per Nia e vuole parlare con lui in privato. Quando lui si avvicina, lei lo spinge dalla torre uccidendolo e si volta per chiedere se un altro dei delegati ha qualche obiezione.

Lexa combatte con un giovane ragazzo, Aden, lui riesce a bloccare i suoi attacchi, e lo loda spingendolo indietro e riavviando il combattimento. Per la seconda volta, Aden riesce a bloccare i suoi attacchi e anche a colpire con un rovescio al viso di Lexa quando lei punta la sua spada verso il basso. Lei rimane in silenzio quando Titus manda via il "Sanguenero" in modo da parlare con Lexa. Lexa gli dice che Aden è pronto ed è un guerriero migliore di lei prima del Conclave. Titus parla poi con lei di Clarke, esprimendo le sue preoccupazioni, e la risposta di Lexa è che Clarke è speciale. La risposta di Titus è che Lexa dovrebbe ucciderla e ottenere il suo potere.

Lexa va nella stanza di Clarke quando Clarke la convoca e quando si avvicina Clarke la minaccia con un coltello alla gola. Invece di combattere di nuovo, Lexa dice che è dispiaciuta di aver trasformato Clarke. Clarke lascia cadere il coltello e Lexa le dice che è libera di andare. Quando Lexa fa per andarsene, Clarke la chiama, accettando di far unire il popolo del cielo alla Coalizione. Durante la cerimonia, Bellamy Blake, Octavia Blake, e Charles Pike irrompono al vertice dicendo che è tutto una trappola annunciata da Echo. Lexa fa arrestare i delegati della Nazione del ghiaccio e Roan e dice alla gente del cielo e al clan delle foreste di combattere la minaccia insieme. Lexa promette di non tradire di nuovo Clarke, inchinandosi a lei.

In Diritto al trono, Lexa fa portare la regina Nia per affrontare il giudizio dopo l'ammissione della distruzione del Monte Weather. Prima che la regina possa essere uccisa, lei chiama un voto di sfiducia, nel tentativo di detronizzare Lexa. Gli ambasciatori votano a favore della detronizzazione di Lexa e invocano un combattimento. La Regina Nia sceglie Roan per combattere al suo posto mentre Lexa afferma che nessuno combatte per lei e lei combatterà da sola.

In Hakeldama

In Raccolto Amaro

In Tredici

in Esemplificazione perversa (Parte 2)

Aspetto fisico

Lexa è di statura media, magra, con fronte alta, labbra carnose, occhi verdi, e un volto giovane. In tempi di guerra è solita portare delle pitture tribali scure sul viso per la maggior parte del tempo, ma è anche stata vista senza. Ha lunghi capelli castani i quali vengono spesso intrecciati in piccole e intricate trecce.

Personalità

Lexa, come leader dei Terrestri, incute rispetto ed è molto potente. È considerata una "visionaria" ed è disposta a mostrare pietà e fiducia al Popolo del Cielo nella speranza di formare un'alleanza. Lexa ha una personalità neutrale, pragmatica, si basa molto sulla logica e ha un atteggiamento piuttosto cinico. Dopo che Costia, la donna che amava, fu torturata e uccisa dalla Nazione del Ghiaccio nel tentativo di scoprire informazioni su Lexa, lei ha deciso di distaccarsi emotivamente dalle persone, credendo che l'amore fosse una debolezza che non poteva permettersi di possedere. Come leader, Lexa è disposta a fare qualsiasi cosa per la sicurezza del suo popolo.

Citazioni

Relazioni

Clarke Griffin

Articolo principale: Clarke e Lexa
"Forse un giorno tu e io non dovremo più nulla alla nostra gente"
— Clarke a Lexa[fonte]
Clexa primo bacio

Il loro primo bacio

Sia il popolo di Lexa che la gente di Clarke è stata in guerra per tutta la prima stagione e la prima metà della seconda stagione. Lexa incontra ufficialmente Clarke in "A lungo in un abisso", quando Clarke va da Lexa, al fine di mettere da parte le loro differenze e creare la pace tra la loro gente. Entrambe si rispettano l'un l'altra e sono simili. Provano rispetto reciproco e condividono il compito della leadership sui loro clan alleati, prendendo spesso decisioni difficili insieme. Si baciano in "Una barriera di bugie", tuttavia, Clarke osserva che lei non è pronta per una relazione dopo la morte di Finn avvenuta per ordine di Lexa. Il loro rapporto diventa teso dopo "Sangue chiede Sangue (Parte 1)", quando Lexa tradisce il popolo del cielo, scegliendo di non marciare a Mount Weather al fine di salvare la sua gente.

Le due si rivedono in Wanheda (Parte 2), e dopo un incontro intenso Lexa inizia a fare passi avanti per aiutare a guarire il loro rapporto. In O voi che qui entrate Lexa ha rispettato il rifiuto di Clarke di incontrarsi per una settimana prima di affrontare la questione dell'unione nella Coalizione del Popolo del Cielo. Più tardi Lexa s'inchina di fronte a Clarke e promette di non tradirla di nuovo. In Diritto al trono Clarke dice che non vuole vedere morire Lexa e poi tratta la sua mano ferita dopo il combattimento. In Hakeldama Clarke e Lexa sono d'accordo nel fatto che "il sangue non deve avere il sangue" e Lexa permette alle persone di Clarke di vivere dopo aver ucciso 299 dei suoi guerrieri nella speranza di evitare una guerra. In Raccolto amaro Clarke e Lexa si confortano a vicenda. Clarke consola Lexa dopo un incubo e disegna Lexa, mentre lei dormiva.

Gustus

"Ste yuj (Sii forte)."
—A Lexa, prima di venire trafitto dalla sua spada
Tumblr p6drsjJEj81txszybo1 500-1-

Lexa cavalca con Gustus

Gustus è uno degli uomini più fedeli di Lexa. È la sua guardia del corpo e farebbe di tutto per proteggerla, arrischiando persino la sua vita.

Marcus Kane

"Grazie, Marcus del Popolo del Cielo."
—A Kane[fonte]
Tumblr inline nljnsdgssD1shgp0v-1-

Lexa ringrazia Marcus per il dono.

Marcus Kane è uno delle prime persone del Popolo del Cielo che Lexa vede per la prima volta. Tenuto prigioniero in una cella dopo essersi recato per cercare di parlamentare con Il comandante per trovare un punto d'incontro per cessare le ostilità tra i loro due popoli, Lexa rimane colpita dal sacrificio in nome della pace che l'uomo compie e decide di risparmiarlo, invitandolo a interloquire con lei.

Titus

"Ho servito quattro comandanti come Fleimkepa e nessuno di loro era neanche lontanamente forte o saggio quanto Lexa kom Trikru. La verità è che lei era tutte queste cose ancor prima della sua Ascensione."
—A Clarke[fonte]
Tumblr o2gdh8QIl51tmyav6o10 r1 250-1-

Lexa e Titus

Titus è il mentore e uno dei consiglieri di Lexa che l'ha istruita quando da piccola è stata condotta a Polis per essere addestrata per diventare il prossimo Comandante.

Aden

"We Loved her."
—A Clarke[fonte]

Aden è un sangue nero che Lexa addestra. E prima di affrontare Roan nell'episodio Diritto al trono lo nomina suo successore in caso che morisse.

Nia

"Sappiamo entrambe quello che vuoi, Nia."
—Lexa a Nia[fonte]

Lexa e Nia hanno una relazione molto ostile.

Luna

Lexa e Luna si conoscono da quando erano piccole essendo entrambe sangue nero e cresciute e addestrate per diventare il nuovo Comandante.

Sviluppo

Casting e creazione

Lexa wardrobe-1-

From top to bottom: Lexa on her throne in war paint and Grounder attire; captures showcasing the wardrobe from different angles.

Il creatore della serie, Jason Rothenberg, ha detto che lui e altri erano a conoscenza della Debnam-Carey mentre facevano i casting per Clarke nel 2014; anche se la possibilità per interpretare Clarke non si è mai materializzata, è stato fatto il suo nome durante i casting di Lexa.

Lui chiamò il casting "una bazzecola"; lei non fece l'audizione per il ruolo, ma le venne offerto.[2] A quel tempo, la Debnam-Carey era stata considerata anche per il ruolo di Alicia Clark in Fear the Walking Dead. "C'è sempre una preoccupazione quando hai un attore che sta avendo successo nel tuo show, che qualcun'altro possa ingaggiarlo e farne un regular se non lo fai tu. Ed è più o meno quello che è successo in questo caso," ha detto Rothenberg, che ha considerato la performance della Debnam-Carey in The 100 "formidabile". Poi ha aggiunto, "Sapete che non possiamo competere allo stesso livello con un franchise come quello, con i numeri."[3] Alla Debnam-Carey era stato concesso di continuare a lavorare in entrambi gli show.[4] Rothenberg ha detto che lui avrebbe fatto la stessa cosa se fosse stato il contrario, con i creatori che chiedevano in prestito uno dei suoi attori, e avrebbe fatto del suo meglio per far funzionare la situazione.[3]

Ruolo

Gli scrittori hanno concepito Lexa come una fiera e saggia guerriera che tiene le proprie emozioni ben custodite, e come qualcuno che non è solitamente in grado di mostrare di tenere alle persone. [3][4][5] La vulnerabilità derivante dal provare affetto, e particolarmente amare una persona, è qualcosa che Lexa vede come una debolezza.[3][5] Questo aspetto è stato significativamente aggravato dalla morte della sua ragazza, Costia; l'ira, il lutto e la conseguente scomparsa di quest’ultimo, hanno indurito ulteriormente Lexa.[5][6] In aggiunta, essere scelta come Comandante significa attraversare un brutale processo di formazione, come è costume della loro società; se Lexa mostrasse debolezza nelle sue mansioni di Comandante, potrebbe perdere il rispetto dei suoi guerrieri. [3]

Debnam-Carey ha detto che trovare il modo di ritrarre tutti questi aspetti del personaggio è stata la parte più impegnativa. "Per me, era trovare quel mix di vulnerabilità, durezza e saggezza nonostante la sua giovane età," ha detto. Un regista le ha suggerito che meno è meglio e si è adattata al personaggio, e ha imparato di più su di lei, interpretando il ruolo. "Ho capito che stavo lentamente sviluppando tutte queste cose. Qualcuno ha detto, 'È una cosa che fai di proposito, di non sbattere le palpebre?' e ho pensato, 'Wow!' Lexa mantiene costantemente uno sguardo intenso. Ha una forte presenza, come se sapesse tutto, e osserva sempre."'Facendo scelte calcolate, è abituata a ottenere quello che vuole.[7]

Lexa è il primo leader Terrestre a cercare la pace. Debnam-Carey lo ha descritto come "alquanto difficile" per gli altri Terrestri da comprendere, a causa della loro cultura "rude e aggressiva"; Lexa è anche "la prima persona ad aver unificato i 12 clan e ad avere effettivamente la possibilità di una alleanza." [8] In generale, è estremamente fedele, ma ancor di più verso il suo popolo; lo mette al primo posto indipendentemente dal prezzo da pagare. Debnam-Carey ha detto che "È nel suo sangue" mettere la sua gente al primo posto, perché essa "è più vicina a lei, ed è ciò che è stata istruita a essere. Lexa proviene da una cultura molto dura e ha delle enormi responsabilità." Lexa è "brutale e una pragmatista, ma non per crudeltà. È l'unica vita che conosce." [] Debnam-Carey non vede Lexa come un'adolescente e non le ha attribuito un'età, affermando, "È quasi come se avesse saltato quel periodo. È stata messa in una posizione dove improvvisamente è stata forzata a compiere molte scelte difficili che la maggior parte delle persone non dovranno mai prendere, non importa quale sia la loro età. The 100 è un mondo nel quale non si ha realmente l’occasione di essere bambini."[]

La relazione con Clarke

La relazione di Lexa con Clarke ci viene presentata come intensa, complessa e l'unica cosa in grado di addolcire l'apparenza di Lexa nella vita.[16][19] Debnam-Carey ha detto che lo sviluppo dei personaggi che passano dall'essere alleati a un rapporto romantico "deriva da una connessione che entrambe condividono, che consiste in esperienze e posizioni/ruoli simili" in quanto sono "entrambe leader molto giovani con una grande autorità e molte responsabilità. Devono comandare una grande quantità di persone. Molti hanno delle grandi aspettative verso di loro". Ha detto che le improvvise responsabilità che hanno affrontato, il bisogno di prendere la giusta decisione e il fatto che entrambe hanno sofferto per la perdita di passati amanti hanno aiutato a stabilire un'ulteriore connessione, ed è una connessione che non hanno con nessun altro.[19] Rothenberg ha subito detto che, anche se non si sbilancerà ulteriormente, per Lexa è stato amore a prima vista, "è stato definitivamente un colpo di fulmine per lei quando ha visto Clarke". Ha inoltre detto che l'attrazione da parte di Clarke nei confronti di Lexa "si è sviluppata un po' più lentamente, ma alla fine sono state molto intrigate dalla possibilità di una relazione romantica."[7] Dopo ha aggiunto che "Lexa era decisamente cotta in stile amore a prima vista, probabilmente", ma ha continuato dicendo che c'è voluto di più per Clarke per sviluppare sentimenti romantici per Lexa.[8]

Debnam-Carey considera l'essere "molto adattabile" dei personaggi uno degli aspetti più interessanti della loro dinamica. I sacrifici che i personaggi fanno sono "per un obiettivo finale molto più grande". Hanno anche "preso degli aspetti l'una dall'altra", con Lexa che inizia a fidarsi di più e a imparare che l'amore può dare forza, e Clarke che diventa più spietata/distaccata nelle decisioni.[19][20] "È molto interessante vedere gli alti e bassi tra di loro," dice Debnam-Carey.[19] Della possibilità che Lexa possa mettere Clarke prima della sua gente, ha detto che forse se "Clarke riuscisse anche ad assimilare la loro cultura e diventare una sorta di mano destra, allora forse si potrebbero unire" [14].

La debolezza di Lexa, come indicato da Debnam-Carey, sono i suoi sentimenti per la sua gente e per Clarke. [20] Debnam-Carey ha apprezzato il fatto che gli scrittori non abbiano ritenuto importante specificare l'orientamento sessuale o le relazioni dei personaggi. [21] Il creatore dello show Rothenberg ha detto che le etichette e il sesso non sono un elemento importante nella serie, cosa che Debnam-Carey considera vero nella storia. "Siamo in un mondo in cui le persone amano gli altri per quello che sono e non per chi sono; questo crea una vasta gamma di personaggi. È una rappresentazione del mondo in cui viviamo oggi, ma non vuole essere una dichiarazione - non è una dichiarazione sociale/culturale," ha detto. "In questo mondo alcuno cose sono migliorate dopo l'apocalisse [...] Rappresenta, in un certo modo, un posto ideale in cui le persone si amano senza problemi e credo sia veramente magnifico."[19]

Accoglienza

Generale

Lexa, e la sua relazione con la protagonista, Clarke, sono state ben accolte dalla critica e dai fan. Maureen Ryan, scrivendo per The Huffington Post, ha affermato, "In uno show pieno di personaggi moralmente compromessi, Lexa si è fatta notare; ha comandato una tribù di abitanti della Terra chiamati 'Terrestri' con una combinazione di destrezza, intelligenza e risoluta ferocia." Ryan ha avuto l’impressione che Lexa "non tolleri gli stolti con piacere, tuttavia Debnam-Carey ha reso la vulnerabilità di Lexa e la sua attrazione per Clarke Griffin (Eliza Taylor) non soltanto credibili, ma anche appassionanti. Linda Ge di TheWrap l’ha definita una “preferita dai fan”, mentre Eric Goldman di IGN l'ha chiamata "una rivelazione, un personaggio estremamente popolare". Lo staff di SheWired ha affermato che la sua "è stata la miglior introduzione di un personaggio di sempre e che non ha mai smesso di essere fantastica" e "ha provato di essere infinitamente coinvolgente, anche quando prende delle decisioni che ci fanno desiderare di raggomitolarci in un angolo a piangere."[9] Dana Piccoli di AfterEllen.com ha caratterizzato Lexa come un “misterioso personaggio queer” che ha catturato l'attenzione degli spettatori, e si è complimentata per la “chimica e il crescente legame tra Lexa e Clarke,” aggiungendo, “Sono entrambe intelligenti, e in qualche modo riescono a vedere il quadro generale. [...] Ecco due giovani donne che guidano i loro popoli verso la salvezza, o almeno il più vicino possibile alla salvezza (che possono ottenere, raggiungere).” Kyle Fowle della redazione di The A.V. Club ha detto che la determinazione di Lexa mentre affronta la realtà di proteggere il Popolo del Cielo, il 13° clan, mentre rischia una rivolta dagli altri clan e la sua gente "è esattamente ciò che la rende uno dei migliori personaggi della TV."[10] Selina Wilken di Hypable.com ha detto che Lexa è "uno dei migliori e, sì, più controversi personaggi nella più recente storia della TV."[11]

Molti spettatori erano sconvolti dal tradimento di Lexa verso Clarke, scatenando numerosi dibattiti sul perché potrebbe averlo fatto,[12][13] e Andy Swift di TVLine ha affermato, "Sono abbastanza sicuro di parlare a nome di Clarke, e di tutti gli spettatori arrabbiati da casa, quando dico, “Lexa, per favore muori violentemente, il prima possibile.”” [14] Mariya Karimkee di Vulture ha visto “il dolore e la confusione che hanno attraversato il viso di Eliza Taylor” durante il tradimento come “una delle più forti interpretazioni” che abbia visto nel telefilm e ha detto che la pesante difficoltà emotiva è arrivata da entrambi i personaggi, con Clarke che si rende conto che “Lexa è l’unica persona che la possa capire.[15] Kyle Fowle di “The A.V. Club” ha affermato che lasciare ai personaggi di rincontrarsi dopo il tradimento, “permette al telefilm di approfondire una delle più complesse e coinvolgenti relazioni. Clarke e Lexa sono un groviglio di emozioni e motivazioni. […] Condividono una connessione a livello emotivo e romantico, e riconoscono il peso della responsabilità che entrambe devono portare.” Fowle pensa che “il fatto che Clarke perdoni Lexa, abbia senso nel contesto della guerra del suo popolo, e del più grande conflitto politico in corso. Quando si inginocchia davanti a Lexa […], è lealtà consapevole di settimane di paziente narrazione.[16]

Comunità LGBT

Apparizioni

Vittime

Circa 37 Delinquenti (indirettamente; in guerra)

Finn Collins (indirettamente; condannato a morte)

Gustus (condannato a Morte per Mille Tagli)

Quint (indirettamente; ferito e lasciato a morire)

Circa 250 Terrestri & sopravvissuti dell'Arca a TonDC (indirettamente con Clarke)

Ambasciatore della Nazione del Ghiaccio (buttato giù con un calcio dalla torre di Polis)

Regina Nia (colpita con una lancia)

Diverse persone tra Terrestri e Popolo del Cielo (proteggendo Clarke nella Città della Luce)

Galleria

|-| Seconda stagione =

|-| Terza Stagione =

Note e Curiosità

  • Il nome di Lexa deriva da Alexandria, una città dello stato della Virginia, situata vicino a Washington D.C.[17]
    • Mentre sceglievano il nome di Lexa, hanno provato diverse variazioni di "Alexandria" incluse Alexa, Andria, e Xandria.[18]
    • Molti nuovi personaggi hanno nomi temporanei nella stanza degli scrittori. Quello di Lexa era Rosslyn, nome di un quartiere in Virginia.[19]
  • Un tweet di Kim Shumway ha stuzzicato una ship "Lunexa", indicando che lei e Luna potrebbero essere amiche.[20]
  • Lexa è qualche anno più grande di Clarke.[21]
  • Lexa è stata addestrata come guerriera da quando aveva due anni.[22]
  • Durante la creazione del personaggio, Lexa era originariamente immaginata come una bambina attorno ai dieci anni, ma l'idea è stata abbandonata a causa delle limitazioni sul lavorare con dei bambini.[23]
  • Lexa è il primo Comandante dei 12 Clan [24] avendoli unificati tutti nella La Coalizione.
    • Gustus dice in "Ricordati di Me" che Lexa ha interpretato un ruolo importante nell'unificare i 12 Clan Terrestri nella Coalizione.
    • Fino a ora, Lexa ricopre il più alto grado fra i Terrestri, come Comandante dei 12 Clan.
    • Lexa è stata il Comandante di almeno tre guerre, una contro la Nazione del Ghiaccio, una contro il Popolo del Cielo, e una contro Mount Weather. Non si sa se Lexa era Comandante prima della guerra contro la Nazione del Ghiaccio.
    • Titus ha dichiarato che è stato consigliere di quattro Comandanti prima di Lexa, rendendo quindi lei il quinto Comandante che lui ha servito.
  • Lexa è stato il primo personaggio LGBT a essere svelato.
    • La morte di Lexa ha scatenato indignazione sui social media a causa dell'adescamento, da parte dello staff dello show, di spettatori queer per avere ascolti, i quali venivano spesso rassicurati sul destino del personaggio; inoltre, ulteriore fattore ad accentuare la controversia, è stato il fatto che la morte di Lexa è stata una tra le più recenti di una sfilza di numerose morti di personaggi lesbici nelle serie TV. In seguito lo showrunner Jason Rothenberg ha dovuto pubblicare una lettera di scuse ed è stato ufficialmente allontanato dai social media. Di questo scandalo ne hanno parlato numerose testate giornalistiche, tra cui Variety e il Washington Post. In italia sulla questione è stato pubblicato un articolo sul Corriere dell Sera.


Riferimenti

  1. https://twitter.com/JRothenbergTV/status/604505272703291392
  2. https://twitter.com/JRothenbergTV/status/603777378012274689
  3. Errore nella funzione Cite: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Radish
  4. Errore nella funzione Cite: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore Ryan_2
  5. 5,0 5,1 5,2 Piccoli, Dana (January 29, 2015) “Mysterious queer character Lexa has our attention in "The 100"” AfterEllen.com
  6. Wilken, Selena (January 24, 2015) “'The 100' introduces its first queer character: Why Lexa’s sexuality matters—and why it doesn’t” '
  7. Ge, Linda (January 28, 2016) “'The 100' Star Alycia Debnam-Carey on Lexa's Return: ‘I Can’t Wait to Kick Some Ass’” TheWrap
  8. Rovenstine, Dalene (March 4, 2015) “The 100's Alycia Debnam-Carey tells all about Lexa's big kiss” Entertainment Weekly
  9. SheWired Staff (January 24, 2016) “10 Reasons Clarke Griffin and Women of The 100 Deserve Your Attention” SheWired
  10. Fowle, Kyle (March 3, 2016) “The 100 knows how to make a character death mean something” The A.V. Club
  11. Wilken, Selina (September 26, 2016) “Alycia Debnam-Carey says ‘The 100’ didn’t kill off Lexa ‘to be hurtful’” hypable.com
  12. Goldman, Eric (March 9, 2015) “The 100 Creator on Lexa's Big Choice and Clarke's Next Move in the Season Finale” IGN
  13. Goldman, Eric (March 9, 2015) “The 100: Alycia Debnam-Carey on Lexa's Return in Season 3” IGN
  14. Swift, Andy (March 4, 2015) “The 100 Recap: 'It Can't Be Over'” TVLine
  15. Karimjee, Mariya (February 6, 2016) “The 100 Recap: The 13th Clan” Vulture
  16. Fowle, Kyle (February 4, 2016) “The 100 puts Clarke and Lexa back together, with mixed results” The A.V. Club
  17. http://kimshum.tumblr.com/post/114437134711/were-clarke-and-lexa-named-after-clark-kent-and
  18. http://sugarjonze.tumblr.com/post/125939487390/hi-i-just-wanted-to-say-that-i-find-the
  19. http://sugarjonze.tumblr.com/post/120551688335/oh-you-wrote-2x06-my-favourite-part-of-the
  20. http://www.enstarz.com/articles/79332/20150409/the-100-season-3-will-we-ever-meet-luna-mysterious-grounders-fate-uncertain-video.htm
  21. Rothenberg, Jason (11 Apr 2015) Tweet - @JRothenbergTV
  22. http://the100theories.tumblr.com/post/121453850250/jasons-periscope-q-a
  23. http://shawnambenson.tumblr.com/post/119065294272/more-thoughts-on-character-creation
  24. https://twitter.com/JRothenbergTV/status/604505272703291392